Nove, dieci e undici

Serie 8000

Nella mattinata odierna tre delle 6 motrici serie 8000 che attendevano l’ok per l’immissione in servizio, sono finalmente entrate in linea. 8009, 8010 e 8011 hanno fatto così il loro debutto sulla linea 9, portando a 10 tram il computo delle vetture omologate e autorizzate. La 8010 è stata immortalata in largo Borgaro (foto in alto), la 8011 in largo Vittorio Emanuele II (foto in basso) mentre la 8009 era su un turno supplementare della linea 9 che è rientrato prima di riuscire a fotografarla.

Si attendono fiduciosamente anche le altre vetture…

Un nuovo divisore

Rete

Transitando in via Cernaia, all’altezza di via Vittorio Amedeo II, è possibile imbattersi in un nuovo tipo di divisore: si tratta di un esemplare della Elektroline Ltd., azienda specializzata in materiale elettrico per linee ferro-tranviarie con sede a Praga. Attualmente sembra essere l’unico punto della rete dove è stato installato questo nuovo modello, ben riconoscibile per il colore blu e la complessa struttura. Rispetto al divisore tradizionale, questo nuovo tipo garantisce il sezionamento della rete senza però generare percepibili interruzioni di alimentazione: anche transitando in trazione, il pantografo non produce archi voltaici (le cosiddette “sfiammate”) ed è probabile che la zona neutra sia minima, eliminando il pericolo di restare bloccati sotto di esso.

Non ci è noto se questo sia solo un test o se in futuro verrà esteso anche ad altri punti della rete, di certo è una novità dopo l’introduzione, neppure 3 anni fa, del nuovo tipo di isolatore, visto per la prima volta nel nuovo largo Grosseto.

Qui in basso un estratto dalla brochure aziendale:

Da maggio ritorna il 13 tram (limitato)

Linea 13

A seguito di numerose proteste e in occasione della revisione delle linee della zona di Parella, la linea 13 potrebbe tornare alla gestione tranviaria sul tratto Campanella-Castello (e capolinea ai Giardini Reali). I lavori in via Po proseguono ancora per un anno circa ma per il ritorno del tram sulla linea 13 potrebbe essere necessario attendere solo fino al prossimo maggio.

In zona Parella le linee sono destinate a mutare: la linea 65 tornerebbe a Porta Susa, sostituendo la linea 71 che invece verrebbe dirottata verso via Servais, a copertura del tratto della linea 13N destinata a sparire. Nessun apparente ritocco alla linea 40.

Esordio su linea 4 (supplemento stadio)

Linea 4, Serie 8000

Sabato 2 marzo, in occasione della partita Toro-Fiorentina presso lo stadio Olimpico Grande Torino, sono stati organizzati i consueti turni di supplemento per il deflusso degli spettatori. Di norma ci sono un paio di motrici che vengono immesse sulla linea 4 verso Falchera. In passato si sono viste non solo vetture serie 6000 ma anche 5000 e 2800, con la partita del 2 marzo per la prima volta è stata usata una vettura serie 8000. La 8007 delle immagini è stata immortalata a Porta Nuova e in piazza Derna (non potendo ovviamente proseguire più a nord). Il 2 marzo è quindi la data in cui per la prima volta un tram HitachiRail si è visto in servizio sulla linea 4 (per quanto supplemento calcio).

Arrivata 8026

Serie 8000

Il 29 febbraio è stata consegnata la ventiseiesima vettura serie 8000. Secondo alcune voci la fornitura del primo lotto di 30 tram dovrebbe concludersi intorno Pasqua, poi si proseguirà con la seconda fornitura. Il tram è stato scaricato presso il deposito Venaria come avvenuto per moltissime altre vetture. Verrà quindi trasferito nell’officina Centrale GTT per le verifiche propedeutiche alle prove dinamiche necessarie per il collaudo ministeriale. Sul fronte collaudo ministeriale 6 vetture (8001, 8009, 8010, 8011, 8012, 8013) sono in attesa del via libera dal Ministero: sommate alle 7 già attive porterebbero il totale a 13 nuovi tram.

Rinnovo binari in via Po

Lavori

Quasi un anno fa avevamo presentato i lavori di rinnovo binari in via Po a cui erano seguite le proteste per il rischio di perdita delle storiche lose e tutte le annesse polemiche tra chi difendeva l’aulicità della zona e chi invece attaccava i costi e i tempi esagerati. Nel frattempo il blocco dei protestanti ha rivolto la sua attenzione agli arbusti rinsecchiti di corso Belgio e così i lavori in via Po possono procedere (le due cose sono ovviamente non legate tra loro, qui si ironizza solo).

Le fasi di cantierizzazione sono state previste in modo da minimizzare gli impatti sulla viabilità. L’attività inizia da Piazza Vittorio Veneto, con progressione verso Piazza Castello e i tratti cantierizzati saranno i seguenti:

  • piazza Vittorio (via Giulia di Barolo) fino a via Po
  • via Po – via delle Rosine
  • via delle Rosine – via San Massimo
  • via San Massimo – via Rossini
  • via Rossini – via San Francesco da Paola
  • via San Francesco da Paola – via Bogino
  • via Bogino – piazza Castello

L’avvio è previsto per marzo 2024 e la conclusione per febbraio 2025, con una durata complessiva di 2 mesi inferiore alle aspettative. Parallelamente saranno aperti anche altri cantieri per il rinnovo di importanti sottoservizi:

Salvo sorprese per marzo 2025 via Po dovrebbe tornare percorribile ai tram in entrambe le direzioni.

2883 Immobiliare.it

Pubblicità, Serie 2800

Torna Immobiliare.it come pubblicità integrale, questa versione ha una tinta più uniforme e più satura di colore, rendendo il tram di un bel blu su cui risalta molto il marchio del portale di compravendite immobiliari. Nella foto la vettura è ripresa al Valentino con la tipica foschia mattutina che sale dalle sponde del fiume Po.

Progetto anello a Falchera

Linea 4

Lo scorso 6 febbraio è stato presentato da Infra.To il progetto del rinnovo del capolinea di Falchera con l’installazione dell’anello di ritorno per le motrici monodirezionali. La modifica permetterebbe in un colpo solo di intervenire sugli scambi della forbice che sono giunti a fine vita e permetterebbe l’uso dei tram mono cabina anche sulla linea 4. Il progetto è stato concepito salvaguardando il verde pubblico (minimizzando il numero di alberi da rimuovere), riducendo l’impatto sul centro abitato (tenendo i binari lontani dalle case) e realizzando l’opera interamente su suolo pubblico.
La durata dei lavori sarà di circa 5 mesi con avvio nel 2025.

8001, 8012, 8013 promossi (?)

Serie 8000

Ieri, 7 febbraio, si sono tenute in corso Toscana le prove di frenatura per le motrici 8001, 8012 e 8013 in occasione delle prove di omologazione ministeriale. Nel caso in cui tutte le tre motrici avessero passato l’esame, il numero di tram omologati salirebbe ora a 13.

Com’è strano un bus bianco a Torino…

Bus

Sulla Stampa di oggi, 8 febbraio, leggiamo con il sorriso l’ironico articolo sullo stupore generato dai nuovi autobus bianchi in servizio sulla linea 5. Si tratta di una parte dei 19 Urbanway CNG prodotti da Iveco e acquistati da GTT per sopperire alla mancata consegna dei Karsan/IIA 18 metri a metano. Se alcuni di questi autobus arriverà con la colorazione gialla-blu (majonese Kraft), la maggioranza resterà bianca fino all’estate, quando verranno fermati e uniformati agli altri.

La parte assurda dell’articolo è però il passaggio sull’insolita colorazione bianca, una rarità a Torino comparsa con questi nuovi veicoli… vero se scordiamo i 20 BYD K9UB che scorrazzano per le strade di Torino dalla fine del 2017, anche loro bianchi ma passati più inosservati. Chissà dove guardava la giornalista in quest’ultimo lustro!?!

WP Theme & Icons by N.Design Studio Traduzione ed adattamento Tramditorino.it
Entries RSS Accedi